Resto al Sud: Fino a 100.000 Euro di Contributo a Fondo perduto per l’Avvio di Nuove Imprese

Resto al Sud di Invitalia è l’incentivo economico rivolto ai giovani imprenditori di età compresa tra i 18 e i 45 anni residenti nelle Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia) e delle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria), che intendono avviare nuove attività imprenditoriali.

Agevolazioni Previste da Resto al Sud:

  • 50% di contributo a fondo perduto sulle spese ammissibili;
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI, della durata di 8 anni con interessi coperti al 100% da Invitalia.

SPESE FINANZIATE FINO A 60.000 € PER LE IMPRESE INDIVIDUALI E FINO A 200.000 € PER LE SOCIETÀ

PRIMA FASE - PRE-VALUTAZIONE REQUISITI DI ACCESSO
effettuiamo una pre-valutazione dell’idea imprenditoriale per cui vorresti beneficiare del finanziamento “Resto al Sud” e ti diciamo fin da subito se possiedi tutti i requisiti per poter beneficiare delle agevolazioni previste dal bando “Resto al Sud”. 
SECONDA FASE - STESURA E PRESENTAZIONE PROGETTO
una volta verificato il possesso dei requisiti di accesso, sarai ricontattato per una consulenza tecnica specifica per la redazione del tuo business plan e la presentazione dell’istanza telematica di richiesta finanziamento ad Invitalia con costi di progettazione variabile a partire da 1.500, con garanzia di rimborso 100% in caso di non approvazione del tuo progetto;
TERZA FASE - REALIZZAZIONE DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE
una volta ottenuta l’approvazione al finanziamento da parte di Invitalia, riceverai supporto ed assistenza tecnica su tutti gli adempimenti burocratici necessari per l’avviamento dell’attività.

Per info e/o assistenza, inviaci una mail all’indirizzo info@ikarosconsulting.com o contattaci telefonicamente al 389-4756032.

Descrizione

Resto al Sud: Cosa Prevede l’Incentivo  Erogato da Invitalia?

Resto al Sud è un incentivo che finanzia la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e libero professionali nelle Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia) e delle aree del cratere sismico del Centro (Lazio, Marche, Umbria).

Il limite di spesa ammissibile è di 60.000 euro per le imprese individuali, arrivando a un massimo di 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci.

Le agevolazioni previste dal Bando Resto al Sud di Invitalia coprono il 100% delle spese ammissibili e sono composte:

  • 50% di contributo a fondo perduto, erogato da Invitalia;
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI, della durata di 8 anni.

Inoltre il bando eroga un contributo in conto interessi a copertura degli interessi sul finanziamento bancario.

Chi può Accedere ai Finanziamenti Previsti dal Bando “Resto al Sud”

Le agevolazioni sono rivolte agli under 46 (cioè un’età compresa tra i 18 e i 45 anni), che:

  • sono residenti nelle Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia) e delle aree del cratere sismico del Centro (Lazio, Marche, Umbria), oppure trasferiscono la residenza nelle suddette aree entro 60 giorni (120 se residenti all’estero) dall’esito positivo dell’istruttoria;
  • non sono già titolari di altre attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017;
  • non hanno ricevuto altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità nell’ultimo triennio
  • non hanno un lavoro a tempo indeterminato e si impegnano a non averlo per tutta la durata del finanziamento.

Quali Attività Imprenditoriali Sono Finanziabili con Resto al Sud?

  • imprese costituite dopo il 21/06/2017;
  • imprese costituende (la costituzione deve avvenire entro 60 giorni – o 120 giorni in caso di residenza all’estero – dall’esito positivo dell’istruttoria);
  • i liberi professionisti (in forma societaria o individuale) che non risultano titolari di partita IVA nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta (codice Ateco non identico fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche).

Cosa finanzia:

  • attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • turismo;
  • attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria).

A titolo puramente indicativo le agevolazioni concesse con il bando Resto al Sud permettono l’apertura di attività collegate:

  • alla ristorazione e alla somministrazione (ristorante, gelateria, pasticceria, bar e catering per eventi o matrimoni);
  • al turismo e alla ricettività (affittacamere, b&b, residence, albergo, agriturismo camping, villaggio, turistico, agenzia di viaggi e tour operator);
  • ai servizi alla persona (lavanderia, tintoria, parrucchiere, barberia, istituti di bellezza, salone di estetica, manicure, pedicure, studio di tatuaggi, toletta per animali, centro benessere, palestra e stabilimento balneare;
  • alla formazione e dell’istruzione (scuola di vela, scuola di danza, autoscuola, scuole di lingua e asilo nido e ludoteca;
  • all’assistenza sanitaria e sociale (strutture di assistenza residenziale, e non residenziale, per anziani e disabili).

Quali Attività Imprenditoriali Sono Escluse da Resto al Sud?

Come da Allegato 1 della Circolare attuativa n. 33 del 22 dicembre 2017 e successive modifiche e integrazioni le attività economiche non ammissibili, sono:

  • Tutta la sezione A – “AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA” ad eccezione della divisione 03 – “PESCA E ACQUACOLTURA”.
  • Tutta la sezione G – “COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO;
  • RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI” ad accezione della classe 45.20 “Manutenzione e riparazione di autoveicoli” e della categoria 45.40.3 “Manutenzione e riparazione di autoveicoli”.
  • Tutta la sezione L – “ATTIVITA’ IMMOBILIARI” ad eccezione della classe 68.20 “Affitto e gestione di immobili di proprietà o in leasing”.
  • Tutta la sezione O – “AMMINISTRAZIONE PUBBLICA E DIFESA; ASSICURAZIONE SOCIALE OBBLIGATORIA”.
  • Tutta le Sezione T – “ATTIVITÀ DI FAMIGLIE E CONVIVENZE COME DATORI DI LAVORO PER PERSONALE DOMESTICO; PRODUZIONE DI BENI E SERVIZI INDIFFERENZIATI PER USO PROPRIO DA PARTE DI FAMIGLIE E CONVIVENZE”.
  • Tutta la Sezione U – “ORGANIZZAZIONI ED ORGANISMI EXTRATERRITORIALI”.

La presente pagina è stata aggiornata sulla base della conversione in legge del Decreto Rilancio, art. 245 bis.

Compila il Modulo e Scopri se Possiedi i Requisiti per Accedere alle Agevolazioni Previste dal Bando “Resto al Sud”

Per info e/o assistenza, inviaci una mail all’indirizzo info@ikarosconsulting.com o contattaci telefonicamente al 389-4756032.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Benvenuto nel sito web ufficiale del Centro Studi IKAROS CONSULTING, Dove Consulenza Orientamento e Formazione Sono a Portata di Click! 👨 Dr. Biagio Faraci. 📱Contatto Rapido: 389-4756032 ✉️ E-mail: info@ikarosconsulting.com

💡Sei Nuovo Del Sito? Richiedi Il Tuo Codice Sconto Di Benvenuto Del 5%!

🔔Seleziona una o più MAILING LIST per essere sempre aggiornato sulle ultime novità del tuo settore professionale.