Ultimi tre mesi di tempo utile prima della scadenza del termine ultimo della prescrizione per i contributi previdenziali dei dipendenti pubblici; come confermato dall’INPS nella circolare 169/2017.

Tutti i contributi accreditati nel corso degli anni lavorativi precedenti presso l’INPDAP (l’Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica soppresso dal 2012) non presenti all’interno dell’estratto conto INPS potrebbero essere persi per sempre senza possibilità di recupero.

Cosa è successo ai contributi INPDAP?

Con la soppressione dell’INPDAP avvenuta nel gennaio del 2012, infatti, i fondi previdenziali dei dipendenti pubblici sono stati trasferiti all’INPS; nel corso di questo passaggio, però, è possibile che alcuni contributi previdenziali non siano stati integralmente accreditati.

Per evitare la perditadei contributi versati all’INPDAP,  occorre notificare gli eventuali periodi contributivi mancanti all’INPS, ma tutto ciò dovrà essere fatto entro il termine ultimo del 31 dicembre 2018; dopo questa data, ourtroppo, tutti i contributi non accreditati sul vostro fondo INPS saranno persi definitivamente.

In questo articolo vedremo come agire per rilevare eventuali errori e successivamente notificarli all’INPS prima della scadenza dei termini della prescrizione.

Questo è molto importante, perchè si eviterà di perdere tutti i contributi INPDAP riconosciuti per gli anni effettivamente lavorati.

Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere una guida utile per tutti i dipendenti pubblici, ove spiegheremo come recuperare i contributi persi durante il passaggio da INPDAP a INPS.

Quando si perdono i contributi previdenziali versati?

I contributi previdenziali cadono in prescrizione dopo 5 anni; in conformità con quanto previsto dall’ l’articolo 3 – commi 9 e 10 – della legge 335/1995,  i termini della prescrizione per i contributi portandoli si riducono da 10 a 5 anni.

Visto quanto stabilito dalla normativa vigente, i termini ultimi per poter recuperare i contributi ex INPDAP non accreditati dovrebbero essere già scaduti; l’Istituto nazionale di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione, infatti, è stato soppresso dal 1° gennaio 2012 e di conseguenza la scadenza avrebbe dovuto essere fissata al 31 dicembre 2017.

Grazie alla  proroga annunciata dalla circolare INPS 169/2017 tramite la quale il nuovo termine è stato fissato al 31 dicembre 2018, i dipendenti pubblici hanno ancora qualche mese di tempo per scongiurare l’eventuale perdita dei contributi,

Trascorso il termine del 31 dicembre 2018 – salvo una nuova proroga, ipotesi molto improbabile – non sarà più possibile rimediare ed evitare la perdita dei contributi versati.

Come recuperare i contributi ex INPDAP?

Visto quanto appena detto consigliamo ai dipendenti pubblici di accedere al sito INPS nell’area “La mia pensione” utilizzando il codice fiscale e il PIN, o in alternativa l’identità SPID.

A questo punto seguendo il percorso “Fascicolo previdenziale del cittadino”-> “Posizione assicurativa” potete procedere con il vostro estratto conto contributivo; grazie a questo strumento, infatti, potete consultare tutti i contributi accreditati sul fondo INPS, così da accorgervi eventualmente della mancanza di alcuni periodi contributi relativi al periodo precedente al 2012. Mancanza che appunto potrebbe essere motivata da errori – o anche ritardi – insorti con il passaggio dall’INPDAP all’INPS.

Se mancano contributi non disperate; questi possono essere recuperati con il versamento da parte dell’ente datore di lavoro, purché non si proceda alla segnalazione dell’eventuale anomalia oltre alla data del 31 dicembre 2018.

Per recuperare agli errori occorre segnalare l’errore all’INPS, attivando una richiesta di variazione e integrazione della posizione assicurativa nella quale indicherete i periodi mancanti e allegando, qualora fosse possibile, la documentazione necessaria a sostegno della vostra tesi.

ATTENZIONE: chi desidera avvalersi della nostro servizio di assistenza per la presentazione dell’istanza di segnalazione, dopo aver verificato gli anni di contribuzione mancanti, può contattarci al 389-4756032 o inviare una mail all’indirizzo info@ikarosconsulting.com.

 


Dr. Biagio Faraci

Direttore del Centro di Formazione, Consulenza e Sviluppo Web IKAROS CONSULTING di Montemaggiore Belsito (PA). Docente di lingua inglese presso: I.I.S. Luigi Failla Tedaldi - Istituto Professionale Agrario di Castelbuono (PALERMO); Docente di lingua tedesca presso: Istituto Comprensivo N. Botta di Cefalù (PALERMO)

Lascia un commento

This site is protected by wp-copyrightpro.com

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

Contattatto Immediato